N° 26 – Fiat 570.12.20 Cameri

Ex. ARPA Chieti N°409 (04/08/1981)

In associazione dal 03/06/2015

La sua storia…

Nelle ultime settimane dell’anno 2013 la sezione romana dell’Assofitram, con il prezioso aiuto del socio Alessio Tempesta, ha concentrato le proprie forze per l’acquisto del Fiat 570.12.20 Cameri ex Autolinee Regionali Pubbliche Abruzzesi n.409, uno degli ultimissimi esemplari circolanti in ambito aziendale nonché a livello nazionale. I Fiat 570 dell’ARPA erano presenti in 98 esemplari totali tutti a due porte e lunghi 12 metri.

Quelli di prima serie erano 53: le matricole 217-226 e 292-300 erano del 1980 e sono state radiate tra il 2003 e il 2005. La serie 376-409 era del 1981 e gli esemplari di questo lotto hanno fatto servizio quasi tutti fino all’anno 2011. Di questi rimane ancora in servizio a dicembre 2013 la sola 401 mentre la 409, secondo e ultimo esemplare ancora esistente, si trovava ancora presso Tessitore di Vasto (CH), concessionario Irisbus-Iveco per Abruzzo e Molise in attesa che l’ASSOFITRAM la ritirasse.

L’ARPA negli anni immediatamente successivi ha acquistato ulteriori 45 Fiat 570 di seconda serie, che si distinguevano dai precedenti in particolare per il parabrezza piatto e le porte a libro. Le matricole 524-548 e 564-568 erano del 1982, mentre le successive 626-640 erano del 1983. Quasi tutti i Fiat 570 sono arrivati a fine carriera senza nessun intervento di particolare rilevanza alla carrozzeria. Ad alcuni sono stati sostituiti i finestrini passeggeri e altri piccoli dettagli interni. Mentre a partire dalla fine degli anni Novanta è stato sostituito il vecchio logo ARPA con caratteri neri in stampatello minuscolo con quello attuale adesivo e a strisce blu. A fine 2013 sono ancora in servizio per le strade dell’Abruzzo 9 Fiat 570: 401, 537, 547, 627, 628, 629, 631, 636 e 638. La 409 ha sempre svolto servizi a carattere suburbano e dalla sua consegna nel lontano 1981 fu assegnata presso il distretto di Giulianova (TE). Per un breve periodo nell’estate 2009 è stata trasferita a Chieti in occasione dei Giochi del Mediterraneo e successivamente è passata alla sede di Teramo per qualche settimana in sostituzione della 636 (anch’esso un Fiat 570 della serie successiva) fino a fine carriera durante l’anno appena trascorso. Dopo il primo anno di attività della sezione romana arriva finalmente il primo vero acquisto voluto dalla sezione capitolina.